RESTAURO DELLA TORRE DI PISA







Nome
Email
Telefono
Oggetto
Messaggio
Privacy

L’impresa è stata chiamata ad intervenire sul catino della Torre di Pisa dopo che l’esito della sottoescavazione effettuata dal consorzio di Imprese Progetto Torre di Pisa aveva dato l’esito sperato, riportando cioè la Torre alla configurazione dell’inizio dell’ 800. L’impresa ha iniziato i lavori a Gennaio 2001, con l’obbiettivo di permettere la riapertura della Torre ormai chiusa dal 1990, il 17 giugno 2007, S. Ranieri, Santo Patrono della città.
Il lavoro da eseguire è iniziato dalla rimozione delle opere provvisionali in particolare dalla trave anulare su cui erano posati i contrappesi di piombo. Abbiamo poi eseguito dei carotaggi profondi, allo scopo di creare delle connessioni tra il fondo del catino della torre le fondazioni della torre ed il muro perimetrale del catino. Dette connessioni, realizzate mediante barre di acciaio inox aisi 316 ad aderenza migliorata diam. 25 mm inghisate con malta reoplastica espansiva ad alta resistenza.
Successivamente è stata realizzata un’armatura della soletta del catino, sempre integralmente con ferri ad a.m. e reti elettrosaldate in acciaio inox con interposti nr. 36 trefoli in acciaio armonico inguainati, atti alla precompressione, ancorati alle 2 scatole di ancoraggio annegate nella soletta. Lo scopo era quello di realizzare una soletta precompressa che connessa alla fondazione della torre e al muro perimetrale creasse una sorta di trave che aumentasse le prestazioni strutturali della fondazione stessa. I lavori sono stati completati il 6 giugno 2001, permettendo l’inaugurazione alla presenza delle autorità. Nei mesi successivi sono state realizzate le opere di finitura del catino, quali la pavimentazione in marmo, rimontaggio del rivestimento smontato, rimontaggio degli scalini in pietra compreso sistemazione dell’area perimetrale.